Main menu

Area Oliveti

  • Descrizione ecologica della pedemontana 

Area Oliveti

Diventa Socio

Per diventare socio della Cooperativa Tapa Olearia è indispensabile essere produttori olivicoli, singoli o associati. Chi intende essere ammesso a Socio dovrà presentare domanda redatta su apposito modulo e presentata al C.d.A. che accertata l’esistenza dei requisiti per l’ammissione, delibera entro sessanta (60) giorni sulla domanda. In caso di mancata risposta nel termine suddetto, la domanda di ammissione deve ritenersi accolta. Il richiedente dovrà versare, al momento dell’iscrizione, almeno una quota di capitale minima del valore di € 100,00, somma che al momento dell’eventuale recesso dalla Cooperativa sarà rimborsata. Dovrà inoltre essere versata, fin dal primo anno, una quota annuale, attualmente di € 24,00 (iva 22% compresa).

Con l’adesione alla nostra Cooperativa si avrà diritto ad usufruire dei servizi che la stessa fornisce ai Soci ed ottenere le agevolazioni ad essi riservate. Tapa Olearia

Con l’adesione alla ns. Cooperativa si avrà diritto ad usufruire dei servizi che la stessa fornisce ai Soci ed ottenere le agevolazioni ad essi riservate quali, ad esempio, la riduzione del costo di frangitura delle olive presso i nostri frantoi di Cavaso del Tomba e Vittorio Veneto. Per avere maggiori e più dettagliate informazioni La invitiamo a recarsi presso la nostra sede Amministrativa (anche deposito e frantoio) di: Cavaso del Tomba Via decumana 22 tel. 0423 562517, aperta tutti i giorni feriali dal lunedì al sabato dalle ore 8,30 alle 12,30 oppure presso il ns. frantoio e punto vendita aziendale di Vittorio Veneto Via della seta 21 Loc. S.Giacomo aperto il lunedì mattina e sabato mattina tel. 0438 912784 Per qualsiasi altro chiarimento si rimanda allo statuto della Cooperativa.

Scarica qui il modulo di richiesta d'ammissione

CDA

  • Presidente: Talamini Lino
  • Vice Presidente: Conte Alessandro
  • Consiglieri:
    • Bittante Ottorino
    • Checuz Giobatta
    • Marin Carlo
    • Pellizzari Felice Giovanni
    • Precoma Simone
    • Rosolen Mario
    • Trevisan Flavio
    • Vettori Marino
    • Zaninotto Giacomo

 

I Frantoi

frantoio

Le nostre strutture produttive sono fornite di frantoi all’avanguardia che lavorano a due fasi e a ciclo continuo, Entrambe i nostri frantoi producono soli oli extravergini di oliva estratti a freddo dalle olive della Pedemontana Trevigiana. Entro poche ore dalla consegna delle olive il cliente riceve il suo olio così da permettere la produzione di un olio che di qualità superiore.

Ci avvaliamo di operatori locali che attraverso corsi professionali di formazione ma soprattutto grazie ad una lunga esperienza accumulata nel corso degli anni offrono un servizio di frangitura accurato e specifico per ogni esigenza.

I nostri frantoi sono entrambi idonei e certificati alla produzione di olio extravergine DOP Veneto.

L’olio prodotto presso i nostri frantoi può essere a richiesta analizzato presso i laboratori della associazione interregionale produttori olivicoli (AIPO) di Verona così da poterne determinare paremetri di fondamentale importanza come l’acidità, i perossidi, gli acidi oleici, i tocofenoli e molto altro.

Contatti

Tapa Olearia s.c.a. Cooperativa Trevigiana Produttori Olivicoli
Frantoio di Cavaso
Via Decumana 22,
31034, Cavaso del Tomba (TV)
P: 0423 562517
F: 0423 943255
Orario apertura:
Lun-Ven 8:30-12:30
Sab su appuntamento
Frantoio di Vittorio Veneto
Via della Seta 21,
31039, Vittorio Veneto (TV)
P: 0438 912784
F: 0438 912784
Orario apertura:
Sab 9:00-12:00
Sede Legale
Via Decumana n. 22,
31034, Cavaso del Tomba (TV)
E-Mail
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Posta Elettronica Certificata PEC
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito Web
http://www.tapaolearia.it

Presentazione

LogoTapaOlearia

Con Tapa Olearia vogliamo condurvi alla scoperta dell’olio extravergine di oliva dei Colli Trevigiani e D.O.P. “Veneto del Grappa”. Vogliamo trasmettervi la nostra passione per le cose fatte come si deve, riscoprendo sapori genuini e suggestioni autentiche. Siamo sicuri di coinvolgervi, tra i colori e i profumi del paesaggio della nostra Provincia, ricco di storia, natura e cultura.

Una storia dalle radici antiche, sta alla base dell’attuale diffusione dell’olivicoltura nei Colli Trevigiani, oggi uno dei punti di forza del recupero ambientale e paesaggistico nella nostra provincia.

L’Olio trevigiano è di colore verde­-oro con modeste variazioni del giallo e fruttato di varia intensità. L'acidità non supera i grammi 0,3 per 100 grammi di olio. L'olio di oliva se integro e genuino possiede numerose qualità terapeutiche.

L'olio extravergine della Pedemontana Trevigiana è controllato e garantito dalla TAPA OLEARIA in tutte le fasi di produzione (filiera) dalla raccolta delle olive, alla frangitura, al confezionamento e viene commercializzato direttamente.

Disciplinare DOP

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA

DELL'OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

"VENETO VALPOLLICELLA", "VENETO EUGANEI E BERICI", "VENETO DEL GRAPPA"

Art. 1

(denominazione)

La denominazione di origine protetta "Veneto Valpollicella", "Veneto Euganei e Berici", "Veneto del Grappa" è riservata all'olio extravergine di oliva rispondente alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione.

Art. 2

(varietà di olivo)

  1. La denominazione di origine protetta "Veneto Valpollicella" ...(omissis)...

  2. La denominazione di origine protetta "Veneto Euganei e Berici" ...(omissis)...

  3. La denominazione di origine protetta "Veneto del Grappa" è riservata all'olio extravergine di oliva ottenuto dalle seguenti varietà di olivo presenti, da sole o congiuntamente, negli oliveti: Frantoio e Leccino per almeno il 50%; Grignano, Pendolino, Maurino, Leccio del Corno, Padanina in misura non superiore al 50%, Possono altresì concorrere altre varietà sperimentali presenti negli oliveti in misura non superiore al 10%.

Art. 3

(zona di produzione)

  1. La zona di produzione delle olive destinate alla produzione dell'olio extravergine di oliva di cui all'art. 1 comprende i territori olivati atti a conseguire le produzioni con le caratteristiche qualitative previste nel presente disciplinare di produzione situati nel territorio amministrativo della Provincia di Verona, Padova, Vicenza, Treviso. Tale zona, riportata in apposita cartografia, comprende il territorio amministrativo dei seguenti Comuni:

    • Provincia di Verona ...(omissis)...

    • Provincia di Padova ...(omissis)...

    • Provincia di Vicenza ...(omissis)...

    • Provincia di Treviso:

      • Borso del Grappa, Crespano del Grappa, San Zenone degli Ezzelini, Fonte, Possagno, Cavaso del Tomba, Castelcucco, Monfumo, Asolo, Maser, Pederobba, Cornuda, Valdobbiadene, Vittorio Veneto, Conegliano, Susegana.

  2. La zona di produzione delle olive destinate alla produzione dell'olio extravergine di oliva a denominazione di origine protetta "Veneto Valpollicella" ...(omissis)...

  3. La zona di produzione delle olive destinate alla produzione dell'olio extravergine di oliva a denominazione di origine protetta "Veneto Euganei e Berici" ...(omissis)...

  4. La zona di produzione delle olive destinate alla produzione dell'olio extravergine di oliva a denominazione di origine protetta "Veneto del Grappa" comprende, nelle Provincie di Vicenza e Treviso, l'intero territorio amministrativo dei seguenti Comuni: Zugliano, Sarcedo, Thiene, Fara Vicentino, Breganze, Molvena, Pianezze San Lorenzo, Mason Vicentino, Marostica, San Nazario, Solagna, Pove del Grappa, Bassano del Grappa,Romano d'Ezzelino, Mussolente, Borso del Grappa, Crespano del Grappa, San Zenone degli Ezzelini, Fonte, Possagno, Cavaso del Tomba, Castelcucco, Monfumo, Asolo, Maser, Pederobba, cornuda, Valdobbiademe, vittorio Veneto, Conegliano, Susegana.

Art. 4

(caratteristiche di coltivazione)

  1. Le conduzioni ambientali e di coltura degli oliveti destinati alla produzione dell'olio extravergine di oliva di cui all'art. 1 devono essere quelle tradizionali e caratteristiche della zona e, comunque, atte a conferire all'olio derivato le specifiche caratteristiche qualitative.

  2. I sesti di impianto, la forma di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelle tradizionalmente usate o, comunque, atte a non modificare le caratteristiche delle olive e degli oli destinati alla denominazione di origine protetta di cui all'art. 1.

  3. Sono pertanto idonei gli oliveti collinari e pedo collinari della zona indicata al precedente art, 3 i cui terreni presentano origini e caratteristiche varie.

  4. Per la produzione dell'olio extravergine d'oliva a denominazione d'origine protetta "Veneto Valpollicella" ...(omissis)...

  5. Per la produzione dell'olio extravergine d'oliva a denominazione d'origine protetta "Veneto Euganei e Berici"  ...(omissis)...

  6. Per la produzione dell'olio extravergine d'oliva a denominazione d'origine protetta "Veneto del Grappa" sono da considerarsi idonei gli oliveti compresi nella zona di produzione descritta al punto 4 dell'art. 3, i cui terreni posti ai piedi del massiccio del Monte Grappa sono derivati da conglomerati poligenici, talora intercalati da fasce sabbiose o marmose-argillose.

  7. La raccolta delle olive destinate alla produzione dell'olio extravergine di oliva a denominazione di origine protetta di cui all'art. 1 dovrà essere effettuata entro il 15 gennaio di ogni anno.

  8. La produzione massima di olive degli oliveti destinati alla produzione dell'olio extravergine di oliva a denominazione di origine protetta di cui all'art. 1 non può superare Kg. 7000 per ettaro per gli impianti intensivi. La resa massima delle olive in olio non può superare il 18%.

  9. Anche in annate eccezionalmente favorevoli la resa dovrà essere riportata sui limiti predetti attraverso accurata cernita purché la produzione globale non superi di oltre il 20% i limiti massimi sopra indicati.

  10. Ogni anno gli organismi preposti dalla legge, nell'ambito dei parametri precedentemente indicati ed a seguito di rilevazioni, definiranno le rese ammissibili in olive ed olio per ciascuna delle aree distinte dalle menzioni geografiche aggiuntive.

  11. La denuncia di produzione delle olive deve essere presentata secondo la procedura prevista dal DM 4 novembre 1993, n. 573, in unica soluzione.

  12. Alla presentazione della denuncia di produzione delle olive e della richiesta di certificazione di idoneità del prodotto, il richiedente deve allegare la certificazione rilasciata dalle Associazioni dei produttori olivicoli ai sensi dell'art, 5, punto 2 lettera a), della legge 5 febbraio 1992, n. 169, comprovante che la produzione e la trasformazione delle olive sono avvenute nella zona delimitata dal disciplinare di produzione.

Art. 5

(modalità di oleificazione)

  1. La zona di oleificazione dell'olio extravergine a denominazione di origine protetta "Veneto Valpollicella" comprende l'intero territorio amministrativo dei Comuni indicati  al punto 2. dell'art. 3.

  2. La zona di oleificazione dell'olio extravergine a denominazione di origine protetta "Veneto Euganei e Berici" comprende l'intero territorio amministrativo dei Comuni indicati  al punto 3. dell'art. 3.

  3. La zona di oleificazione dell'olio extravergine a denominazione di origine protetta "Veneto del Grappa"comprende l'intero territorio amministrativo dei Comuni indicati  al punto 4. dell'art. 3.

  4. La raccolta delle olive destinate alla produzione dell0olio extravergine a denominazione di origine di cui all'art. 1 deve avvenire direttamente dalla pianta a mano o con mezzi meccanici.

  5. Per l'estrazione dell'olio extravergine di oliva di cui all'art. 1 sono ammessi soltanto i processi meccanici e fisici atti a garantire l'ottenimento di oli senza alcuna alterazione delle caratteristiche qualitative contenute nel frutto.

Art. 6

(caratteristiche al consumo)

  1. All'atto dell'immissione al consumo l'olio extravergine di oliva a denominazione di origine protetta "Veneto Valpollicella" deve rispondere alle seguenti caratteristiche:

    •  ...omissis...

  2. All'atto dell'immissione al consumo l'olio extravergine di oliva a denominazione di origine protetta "Veneto Euganei e Berici" deve rispondere alle seguenti caratteristiche:

    •  ...omissis...

  3. All'atto dell'immissione al consumo l'olio extravergine di oliva a denominazione di origine protetta "Veneto del Grappa" deve rispondere alle seguenti caratteristiche:

    • colore: verde-oro con modeste variazioni del giallo

    • odore: fruttato di varia intensità

    • sapore: fruttato con sensazioni di amaro per gli oli freschi

    • punteggio al Panel Test: >= 7,5

    • acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso non superiore a grammi 0,5 per cento grammi di olio

    • numero perossidi: <=Meq02/Kg

    • acido oleico: >= 76%

  4. Altri parametri non espressamente citati devono essere conformi alla attuale normativa U.E..

  5. La designazione degli oli alla fase di confezionamento deve essere effettuata solo a seguito dell'espletamento delle procedure previste dal D.M. 4 novembre 1993, n. 573, in ordine agli esami chimico-fisici ed organolettici.

Art. 7

(designazione e presentazione)

  1. Alla denominazione di origine protetta di cui all'art. 1 è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione non espressamente prevista dal presente disciplinare di produzione ivi compresi gli aggettivi "fine", "scelto", selezionato", "superiore".

  2. E' consentito l'uso veritiero di nomi, ragioni sociali, marchi privati purché non abbiano significato laudativo o non siano tali da indurre in inganno il consumatore.

  3. L'uso dei nomi di aziendem tenute, fattorie e loro localizzazione territoriale, nonché il riferimento al confezionamento nell'azienda olivicola o nell'associazione di aziende olivicole o nell'impresa olivicola situata nell'area di produzione è consentito solo se il prodotto è stato ottenuto esclusivamente con olive raccolte negli oliveti facenti parte dell'azienda o se l'oleificazione e il confezionamento sono avvenuti nell'azienda medesima.

  4. Le operazioni di confezionamento dell'olio extravergine di oliva a denominazione di origine protetta di cui all'art. 1 devono avvenire nell'ambito della zona geografica delimitata al punto 1 dell'art. 3.

  5. L'uso di indicazioni geografiche riferite a comuni, frazioni, tenute, fattorie da cui l'olio effettivamente deriva deve essere riportato in caratteri non superiori alla metà di quelli utilizzati per la designazione della denominazione di origine protetta di cui all'art. 1.

  6. Il nome della denominazione di origine protetta ai cui all'art. 1 deve figurare in etichetta con caratteri chiari ed indelebili con colorimetria di ampio contrasto rispetto al colore dell'etichetta a tale da poter essere nettamente distinto dal complesso delle indicazioni che compaiono su di essa. La designazione deve altresì rispettare le norme di etichettatura previste dalla vigente legislazione.

  7. L'olio extravergine di oliva a denominazione di origine protetta di cu all'art. q deve essere immesso al consumo in recipienti di vetro di capacità non superiore a litri 1.

  8. E' obbligatorio indicare in etichetta l'annata di produzione delle olive da cui l'olio è ottenuto.